Bullet Journal

Cos’è il Bullet Journal?

Un nuovo metodo per prendere appunti

Chi non conosce il Bullet Journal? Se provate a cercare su Instagram #bulletjournal, o su qualsiasi altro social, vi si aprirà un mondo coloratissimo. Un mare di pagine colorate, disegnate, con cui tener traccia di tutto, dalle commissioni giornaliere, alle liste to-do, alle wishlist e molto altro.

Il Bullet Journal è uno straordinario strumento per la produttività, che si adatta al proprio stile di vita. E no, non è  necessario saper disegnare.

Ma partiamo dalle basi. Il Bullet Journal è sostanzialmente un quaderno (ma c’è chi usa anche un planner ad anelli), con le pagine bianche o, ancora meglio, puntinate. I quaderni che vedete nelle foto qui sopra sono stati realizzati qui da Scripta Manent. Da sinistra, abbiamo un quaderno con cucitura copta, al centro un quaderno con la copertina in pelle, decorata in stile vintage, e a destra un quaderno in carta kraft (ideale per essere inserito all’interno di un midori o travel journal) e hanno tutti le pagine puntinate.

Leggi anche: Bullet Journal Setup 2019

Ci sono anche diverse marche famose che realizzano quaderni per Bullet Journal, tra queste troviamo sicuramente il Leuchtturm1917, lo Scribble that Matter, o la classica Moleskine.

bullet-journal-22

All’interno di questo quaderno possiamo poi inserire una varietà infinita di schemi. Lo possiamo usare come agenda, mensile, giornaliera o settimanale… Ma anche come calendario, come raccoglitore di liste, di idee e tanto altro. Se avete un’agenda e non vi piace il layout delle pagine, il Bullet Journal vi dà la possibilità di partire da zero e creare ciò che fa per voi.

Leggi anche: Bullet Journal: confronto tra quaderni puntinati

In genere ci sono una serie di “regole”, di convenzioni da seguire, ma non tutti si adeguano a questo schema. Prima di tutto si numerano le pagine. All’inizio del quaderno si crea un indice, che ti aiuta a trovare gli argomenti all’interno del quaderno. In seguito ci sarà la legenda, per decidere quali simboli andremo ad usare nelle nostre liste. Poi ci si inserisce qualche pagina per la vista annuale e poi il mese su due pagine, per segnare gli appuntamenti più importanti.  Infine, si inizia con il compilare le pagine dell’agenda vera e propria, realizzando lo schema della settimana su due pagine. Dopodichè compili queste pagine con le liste di impegni e di cose da fare.

bullet_journal_index

 Il vantaggio dell’agenda realizzata a mano è che la puoi creare strada facendo, aggiungendo tutte le pagine che ti servono man mano. Adattabilità è la parola d’ordine, visto che ogni layout della settimana può essere diverso dal precedente. L’unico inconveniente è che non si riescono a programmare gli eventi molto distanti nel tempo.

Leggi anche: 36 Pagine da inserire nel tuo Bullet Journal

A me, personalmente, piace usare il sistema di liste del Bullet Journal, per segnare, in modo apparentemente disordinato tutto quello che mi passa per la testa. Menomale che esiste l’indice!

bullet_journal_4

Come dicevo, esistono ormai un’infinità di schemi proprio del Bullet Journal. Possiamo ad esempio tener traccia delle nostre abitudini, dell’acqua che beviamo, dei soldi che spendiamo (e come risparmiali), quanto allenamento facciamo, ecc. Poi c’è a chi piace semplicemente disegnare e scarabocchiare. Il mio schema preferito è quello dei libri letti o da leggere. Si presenta come uno scaffale di una libreria immaginaria, dove andiamo ad inserire la nostra lista di libri, scrivendone il titolo sul dorso dei libri disegnati. 

Anche il Bullet Journal, così come il planning, può essere visto semplicemente come un hobby molto rilassante.

Ci sono poi degli strumenti che possono aiutarci in caso avessimo poco tempo o non sapessimo disegnare.

Ad esempio, esistono i timbri, che ci aiutano a realizzare i numeri, i giorni della settimana, simboli, caselle di testo e molto altro… Otterremo un risultato pulito e molto carino, anche se non abbiamo la vena artistica!

Io vi consiglio i timbri della StudioL2E (li trovate come sempre sul nostro shop online). Ne esiste uno per ogni occasione, da quello che ci permette di valutare un film o un libro, a quello che ci aiuta a segnare i vari appuntamenti di beauty, a quello che ci aiuta a pianificare le pagine.

bullet_journal_stamps
E poi arriva la fatidica domanda: ma con cosa scrivo? Io vi consiglio le penne Pilot Frixion, perchè in genere non trapassano la
pilot_frixion
carta e sono cancellabili, il che è un bel vantaggio. Esistono di diversi colori, anche in forma di evidenziatori!
Per dare un tocco più creativo, si possono usare anche le penne da HandLettering e le brush pen. Queste sono quelle che uso io:

Insomma, non è necessario che il nostro Bullet Journal sia un’opera d’arte per essere funzionale. Ma se a voi piacciono le cose colorate, va benissimo, perchè il quaderno deve rispecchiare voi stesse.

Per approfondire l’argomento vi rimando a qualche fonte americana, qui e qui.

E adesso divertitevi a creare!

cos'è il bullet journal: guida introduttiva per principianti #bulletjournal #planneraddict #plannergirl #bujoideas

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

f6c6447c44cbc562271d2848bdb303cc56027d825a12434355
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra informativa. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi